Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
KEVIN LEVRONE POST POST STEROIDI
#11
Sergito.Questo lo dici tu.Io non ho detto assolutamente che chiunque con i farmaci può arrivare a tali masse.Certo ci vuole anche genetica.Ma dire come hai inizialmente detto tu che certi campioni possono arrivare per doti genetiche a tali dimensioni mi sembrava di aver fatto un discorso natural.Parliamo sempre e comunque di uso di farmaci.E non è un discorso natural.Che lui abbia una genetica portata per i farmaci a me fa solo schifo.Sport reale zero.Infine che li non sia al massaimo dei suoi livelli si vede palesemente.Ma al massimo potrebbe essere un pò più grosso e definito da natural.Quanto non posso saperlo di certo.Ma è palese che un natural non possa essere molto più grosso di certi canoni normali.Le dimensioni apparentemente "enormi" sono solo date dalla definizione e dalle proporzioni del corpo in gara.
Cita messaggio
#12
Ci sono uomini che messi vicino a bodybuilder che sembrano giganti per le loro proporzioni,appaiono molto più grossi di quest'ultimi. Wink <!-- m --><a class="postlink" href="http://youtu.be/uPpuMJTIo2M">http://youtu.be/uPpuMJTIo2M</a><!-- m --> THRIPLE H PRESENTATORE DEL MR OLYMPIA 2004.jAY CUTTLER SEMBRA UN NANO PICCOLO.e RONNIE GLI CORRE DIETRO. :lol: :lol: :lol: e THRIPLE H NON E' ASSOLUTAMENTE TRA I PIU' GROSSI.
Cita messaggio
#13
Natural vs steroidi <!-- m --><a class="postlink" href="http://youtu.be/DjSCWff6j60">http://youtu.be/DjSCWff6j60</a><!-- m --> .Sperando che almeno il più piccolo sia natural.
Cita messaggio
#14
Ciao a tutti, ho letto solo ora questo interessantissimo tread. Quando gareggiavo ho conosciuto moltissimi bodybuilder dalle masse impressionanti, per poi reincontrarli qualche anno dopo irriconoscibili, dimagriti e ridimensionati. Quel che vorrei chiarire, a mio modesto avviso, è il concetto di genetica. Per genetica ottimale si intende un soggetto che risponde bene all'allenamento, all'alimentazione, la cui risposta muscolare allo stimolo dell'allenamento è ottimale ed è abbinata ad una buona costruzione morfologica e ad un buon metabolismo. Solitamente questi soggetti, anche quando si fermano con l'allenamento mantengono sempre delle buone forme muscolari, pur se ridimensionati per ovvie ragioni nei volumi. Nel caso specifico di Levrone, a mio avviso, vedendo le immagini del prima (impressionante)e dopo (piccolo e liscio), non direi proprio che ha una buona genetica, ma semmai dei buoni recettori che rispondono bene agli steroidi, cosa ben diversa dalla genetica ottimale. Naturalmente non so se nel video attuale Levrone si allena ancora o ha smesso totalmente di allenarsi, ma la differenza da come era prima rimane abissale. Pertanto bosogna fare un distinguo tra la genetica e il possedere dei buoni recettori (secondo caso per Levrone, il quale a mio avviso non ha tutta questa gran genetica). Concludo rispondendo a Kriss, in merito al fatto che ognuno può arrivare a eccelsi livelli con gli steroidi, è qui l'errore amico mio, non è vero, prendi 5 persone, falle allenare allo stesso modo, alimentare allo stesso modo, falle supplementare con le stesse quantità di farmaci, vedrai che solo in uno o due di questi (è una percentuale statistica) si osserverà uno sviluppo muscolare degno di nota, gli altri avranno cambiamenti e guadagni non degni di nota. Concludo, ciò che fa la differenza negli atleti supportati da farmaci è la loro risposta recettoriale agli stessi, ed ovviamente anche la genetica. Nel caso di Levrone abbiamo a mio avviso un atleta con una struttura scheletrica normale, di costituzione mesomorfa ed un eccellente risposta ai farmaci. Spero di non avervi annoiato, ciao a tutti!
Max Ratta
Fitness consultant,
Pilates Teacher,
Heavy Duty consultant
Cita messaggio
#15
La penso come Max Ratta, tranne per il fatto che secondo me Kevin Levrone la genetica ce l'ha.

Per il resto esprimerei il concetto di genetica in due modi, ossia la genetica strutturale e la genetica muscolare.
Per genetica strutturale intendo le proporzioni dell'ossatura scheletrica, rapporto ossa bacino/distanza bicromiale, circonfernza ossatura, etc... sulla struttura si può fare ben poco, sulla vita specialmente, al limite per la larghezza delle spalle si può lavorare sul deltoide laterale per cercare di allargare un attimino ma miracoli non se ne possono fare. Sulla circonferenza ossea invece, l'ormone della crescita può incidere sull'aumento.
Se però abbiamo l'ossatura molto grossa (a mio avviso uno svantaggio nel BB) dovremmo avere dei muscoli molto grossi per evidenziare il volume muscolare.
Un esempio che riporto sempre , anche perchè è il mio BB preferito, è quello di Flex Wheeler. Flex possiede sia una genetica strutturale che muscolare impressionante. Ha un ossatura molto fine (xchè ectomorfo) e muscoli molto grossi e voluminosi, che con quell'ossatura risaltano enormemente. Basta vedere la circonferenza della sua vita che sembra quella di una ragazzina magra, rapportata alla larghezza impressionante delle spalle. Questa è genetica ragazzi.
Sullo sviluppo muscolare sono il linea con Maxratta, lo sivede dalle risposte all'allenamento e alimentazione.
Per me poi non c'è differenza tra buona genetica di recettori ai farmaci e quella di massa muscolare, sicuramente se Kevin è riuscito anche con i farmaci a mettere su quelle masse muscolari impressionanti, possiede una buona genetica, sulla struttura invece non è così forte.
Cita messaggio
#16
Ciao Sergito,
interessante la tua risposta, sono d'accordo con te ma in parte. Bisogna fare una valutazione globale quando si parla di genetica ottimale, e qui lo so, si potrebbero scrivere pagine e pagine di tread in cui ognuno argomenta la sua tesi. Per genetica ottimale si intende avere una bella struttura morfologica, quindi delle buona proporzioni ed un buon metabilismo, e fin qui siamo sulla stessa lunghezza d'onda mi sembra. A ciò aggiungiamo un eccellente risposta recettoriale ai farmaci, cosa di cui Levrone è sicuramente dotato, ma ho delle riserve per il resto perchè ripeto, nel momento del secondo video non sappiamo se si stia allenando ancora (seppur da natural) o ha smesso del tutto. Sono anche d'accordo con te sull'esempio di Flex, gran bell'atleta che è sempre piaciuto moltissimo anche a me. Ma ti cito un esempio inverso: Rich Gaspari, atleta dalla struttura morfologica bruttina, con clavicole strette, fianchi larghi e busto corto, ma dalla risposta muscolare unitamente a quella recettoriale ai farmaci eccelse. Difatti è arrivato 3 volte secondo all'Olympia, dando del filo da torcere a Lee Haney, atleta dalla genetica sicuramente superiore. Rich Gaspary è l'esempio della buona genetica intesa muscolarmente e recettorialmente, anche se non ha una bella struttura morfologica. Poi chiaramente, se hai una buona risposta recettoriale ai farmaci, una buona risposta muscolare all'allenamento, unitamente ad una struttura scheletrica proporzionata e aggraziata siamo al top. Questo è il mio pensiero, quando parliamo di genetica bisogna tener conto di diversi aspetti: muscolare, morfologico, metabolico e recettoriale. Quelli che hanno vinto l'Olympia di solito possedevano\possiedono, queste 4 caratteristiche tutte insieme, quelli che arrivavano dietro peccavano in una di queste. Spero di aver espresso il mio concetto. Ciao!
Max Ratta
Fitness consultant,
Pilates Teacher,
Heavy Duty consultant
Cita messaggio
#17
Bravissimo Maxratta, hai dato una risposta completa e veritiera. Tu in modo particolare, come me, abbiamo fatto gare e quindi sappiamo cosa conta sul palco.
Sappiamo che ai giudici di gara non interessa una mazza se hai un bicipite del 60 se poi vai giù come un tronco d'albero, come non gli interessa nulla se sopra sei enorme e proporzionato ma hai delle gambine da merlo.
In gara contantano molto le proporzioni, molte volte piu dello stesso sviluppo muscolare.
Sul caso Rich gaspari non saprei che dire perchè non ricordo il suo fisico, dovrei andare a vedere qualche sua foto/video. Certo mi sembra strano che possa aver raggiunto quei piazzamenti con una struttura come dici tu "bruttina".
Vorrei aggiungere un'altra cosa: Nelle gare , oltre alla forma fisica di un atleta, conta anche molto quella degli avversari, nel senso che se sei fortunato che in quella gara non ci sono grandi atleti, puoi fare anche un buon piazzamento, altrimenti se ti trovi tutti mostri magari ti piazzi male, anche se hai una bella struttura e una buona massa. È quello che infatti è successo a Flex nella finale dell'Olympia contro Colemann: Flex ha avuto la grande sfortuna di trovarsi lungo il suo cammino, quando era nella sua migliore forma fisica, un atleta come Colemann. Quella finale Flex perse, anche se ci fuorono diverse critiche a riguardo. Ma la perse non perchè avesse qualche punto debole a mio avviso, ma perchè il suo avversario aveva una massa muscolare mai vista, fuori dal normale, oserei dire esagerata. In quell'occasione, entrambi meritavano una medaglia d'oro, ma come si sa, il vincitore di ogni competizione può essere solo uno.
Cita messaggio
#18
Ciao Sergito, d'accordo con te su tutta la linea e sono contento di constatare che sei anche tu un ex agonista, pertanto abbastanza sensibile da conoscere i vari meccanismi che ruotano attorno ad una preparazione ed alla valutazione dei giudici. Se cerchi sul web trovi tantissime immagini di Rich Gaspari, ma ti posto questo video <!-- m --><a class="postlink" href="http://www.youtube.com/watch?v=eUSeUUUWLqE">http://www.youtube.com/watch?v=eUSeUUUWLqE</a><!-- m -->
Ripeto, non ha mai avuto una bellissima struttura mosfologica, ma è riuscito a "coprire" i suoi difetti strutturali con una grande sviluppo muscolare ed una qualità muscolare eccelsa, non a caso è stato il primo atleta negli anni '80 a presentarsi in gara con i glutei striati, la sua definizione era impressionante per gli standard di quegli anni.
Max Ratta
Fitness consultant,
Pilates Teacher,
Heavy Duty consultant
Cita messaggio
#19
Carissimo Maxratta.Forse non ci siamo capiti.Lo so e l'ho detto che ci vuole genetica anche per fare un ciclo di steroidi e che ci sono persone che con tali cicli in ambito di allenamento ottengono risultati molto più elevati rispetto ad altri.Ma qSergito aveva semplicemente esordito dicendo CHE CI VOLEVA GENETICA....Da quella semplicissima frase si capiva solo che l'idea di Sergito era che Levrone da natural poteva benissimo divenire così.Poi successivamente ha rinfoltito la sua affermazione dicendo che CI VUOLE GENETICA ANCHE PER I FARMACI.Naturalmente io alla sua prima affermazione sono rimasto stranito,ed ho risposto di conseguenza.Ma c'è stato solo un qui pro quo.Un errore di interpretazione reciproca dei post.Tutto qui.Resta il fatto che il talento genetico in un contesto natural non dovrebbe proprio essere contemplato.Il fatto è che molti escono dopo anni allo scoperto dopo aver fatto una carriera,ammettendo di aver fatto uso di steriodi o quant'altro ma ormai hanno un nome e soldi con una storia fake alle spalle.E ciò è triste.
Cita messaggio
#20
Maxratta mi devi poi indicare dove ho mai detto che CHIUNQUE CON GLI STEROIDI PUO' DIVENIRE COME KEVIN ENORME COME KEVIN LEVRONE. :lol:
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)